top of page
  • Immagine del redattorePaola, La Casuarina

Lo slow aging: come valorizzarlo


crema antiage

L’ultima generazione di cosmetici antirughe: i “sieri liftanti”, strizzano l’occhio agli interventi di chirurgia estetica.


Le strategie di marketing catturano l’attenzione dei consumatori: la siringa che eroga il prodotto ha contribuito a generare una grande aspettativa dall’utilizzo di questi cosmetici.


Le attese però non sono all’altezza dei risultati ottenuti.


Come funzionano i sieri liftanti

Contenenti polimeri sintetici, i sieri liftanti, una volta applicati, perdono componenti liquidi e formano una pellicola trasparente che produce una fittizia distensione delle rughe.

sieri rughe

Rendere le rughe esteticamente meno visibili si può, ma riempire le rughe dall’esterno risulta alquanto improbabile. L’idea che una singola applicazione “topica” possa cambiarci i connotati crea inevitabilmente delusione da parte del consumatore che si aspetta la magia e frustrazione da parte del formulatore che non è un mago.


Stiamo con i piedi per terra e cogliamo il meglio da quello che la nuova tecnologia cosmetica può effettivamente metterci a disposizione, quando non possiamo o non vogliamo ricorrere agli aghi (quelli veri!).


I prodotti effetto liftante o riempitivi sono ottimi cosmetici in grado di adempiere, nell’immediatezza dell’applicazione allo scopo per i quali li abbiamo acquistati:

  •  Appiattimento della ruga e dei solchi cutanei

  •  Donare maggiore lucentezza al viso

Danno un riscontro nell’immediato, agiscono prevalentemente a livello epidermico, sono quindi di breve durata: effetto puramente fisico, non curativo, strettamente correlato alla presenza di derivati del silicio che agiscono sull’epidermide distendendola.


Con la detersione vengono asportati e tutto torna come prima!


Utili per un’occasione speciale, per una serata importante, in tutti quei casi in cui si voglia mostrare un viso più rilassato e fresco. L’effetto è maggiormente visibile nei contorno occhi, dove la pelle è molto più sottile e si distende facilmente.


Anche i cosmetici soft-focus sono trattamenti mordi e fuggi: costituiti da pigmenti micronizzati giocano con la luce riflettendola in tutte le direzioni rendendo meno scura la ruga e quindi meno visibile nascondendo le ombre scure, uniformando l’incarnato.


Quindi i cosmetici non servono a niente?

Non è così! Il cosmetico antiage è in grado di svolgere egregiamente la sua azione di Healthy Ageing sulla pelle e suoi annessi, e vi possono aiutare non a nascondere ma a valorizzare ed esaltare le caratteristiche della vostra pelle, qualunque sia la vostra età.


Come? Idratando, Stimolando, Riducendo, Detossinando, Proteggendo, Rigenerando e

molto altro ancora. Ci sono sostanze che a seconda della loro struttura chimico/fisica, hanno un alto, medio o basso assorbimento dermico e sono in grado di agire positivamente a livello dermico contrastando il rilassamento cutaneo e la perdita di tono. Con un impiego costante e continuativo la pelle appare più compatta ed elastica.


Tra il lifting (vero o fittizio che sia) e una pelle che abbiamo deciso di trascurare perché "tanto i cosmetici non servono a niente", c’è una terra di mezzo che si chiama WELLBEING dove volontà, tenacia e pazienza fanno senz’altro la differenza.


Una strategia anti-età infallibile e intelligente che unisce agli strumenti della scienza un sano buon senso:

  • Valorizzarne i cambiamenti a mano a mano che si presenteranno negli anni.

  • Prendersi cura di sé e della propria pelle già intorno ai 30-35 anni, quando appaiono i primi segni di espressione, con l’utilizzo di prodotti e trattamenti adatti ad ogni specifica età.

  • Assumere uno stile di vita che preveda una corretta alimentazione e un’appropriata attività fisica.


Oltre che comportamenti e abitudini in linea con quanto consigliato dal Ministero della Salute per una vita sana.


Costanza, pazienza, tenacia, volontà…tutti aggettivi femminili.


Non può essere un caso!


3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page